SOS DEI CITTADINI: MOVIMENTO CONSUMATORI ASSISTE TUTTE LE VITTIME DI BUCHE, VORAGINI, GHIACCIO, CADUTA DI ALBERI E PER MANCATA MANUTENZIONE STRADE (ANCHE PER INTEMPERIE)

Movimento Consumatori continua la sua decennale assistenza ai cittadini romani, e di tutta Italia,  vittime  delle buche, delle voragini, delle cadute degli alberi e dei cartelloni, anche per intemperie, che stanno creando innumerevoli danni ai pedoni, ai ciclisti, ai motociclisti ed agli automobilisti. Ebbene, gli italiani, da Nord a sud, di piccole e di grandi città, presentano tutti gli stessi problemi, anche se a Roma sono decisamente più frequenti e più preoccupanti.

Ma in caso d’incidente, possiamo chiedere un risarcimento? E a chi?
La responsabilità - afferma l'avvocato Laila Perciballi, legale del Movimento Consumatori -  è del Comune (se si tratta di strada comunale), della Provincia (se si tratta di strada provinciale), dello
Stato ( se si tratta di strada statale) della società Autostrade ( se si tratta di autostrada) .
L'asfalto non tiene, il ghiaccio ovunque, gli alberi cadono e la responsabilità è sempre dell'ente proprietario delle strade.
Le persone hanno diritto a strade sicure, che siano conformi alle normative vigenti e che non siano tali da creare pericolo per l’incolumità fisica dei cittadini, anche in caso di intemperie.
Come sempre, il Movimento Consumatori potrà fare la prima lettera di denuncia del sinistro e richiesta danni agli organi competenti, cercherà di risolvere mediante la conciliazione il caso, e ove non si riesca – specie per i danni in cui ci siano conseguenze gravi per la salute del cittadino, con l'assistenza di un legale, potrebbe essere necessario adire l’autorità giudiziaria.

 Ma cosa dobbiamo fare esattamente al momento dell’incidente?
E’ fondamentale prendere tutte le dovute precauzioni per assicurarsi che poi l’Ente che ha in custodia la strada non trovi dei buoni motivi per esimersi dal risarcimento.
Quindi, è fondamentale chiamare la polizia municipale per redigere verbale dell’accaduto, dello stato dei luoghi, dei danni subiti,   prendere i nomi di eventuali soccorritori (facendosi lasciare, nome cognome ed indirizzo) e chiedendo alla stessa polizia municipale di raccogliere le loro dichiarazioni in modo che, qualora passi troppo tempo dall’evento, le stesse testimonianze siano sempre valide.

In caso di  danni materiali, fare le foto dei luoghi e documentare i danni materiali con preventivo, foto e fattura.

In caso di danni fisici, chiamare l’autombulanza e farsi trasportare al vicino Pronto Soccorso,  e richiedere copia della cartella clinica, comprensiva delle lastre, seguire tutto il percorso di cure e di riabilitazione,  raccogliere tutta la certificazione medica e relative spese per i farmaci sino alla guarigione, poi  far redigere una perizia dal medico legale per la valutazione de danno biologico, dell’invalidità permanente assoluta e parziale, per la limitazione della capacità lavorativa e, dunque, procedere con la richiesta dei danni tutti.
Ecco, se si seguono questi semplici consigli, sarà difficile che l’ente possa esimersi dal risarcire il danno; ed, in ogni caso, ove non volesse pagare, il cittadino ha tutte le carte in regole per iniziare un giudizio e veder riconosciuti i propri diritti.
Sono centinaia i cittadini che, grazie al nostro intervento, sono riusciti ad avere  risarcimenti anche sino ad euro 100.000/00 in caso di gravi danni alla salute. Cifre così elevate portano, spesso,  ad azioni giudiziali. Invece, per i danni alle cose (moto, bici, auto)  è più facile ottenere il risarcimento da risarcire da parte del Comune perché gli importi sono più modesti (di solito, da euro 200/00 sino ad un massimo di euro 5000/00).

 

Contattateci allo 06.39735013, o scrivete sulla email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; o sulla pagina FB (https://www.facebook.com/movimentoconsumatoriromacapitale/)

© 2017 Movimento Consumatori Roma Capitale All Rights Reserved. Designed By WebEuro